I "Ritornelli"

IMG-20220603-WA0038
20211211_143619
IMG-20211218-WA0008
20211211_144207

La proposta del laboratorio corale per voci bianche da cui ha origine il coro de “I Ritornelli” nasce dalla convinzione che la pratica corale sia un momento privilegiato per la crescita delle competenze musicali e personali di ogni individuo, nonché strumento fondamentale per instaurare relazioni significative.

L’obiettivo generale del laboratorio è mantenere, stimolare e sviluppare le capacità vocali dei bambini e dei ragazzi, per riscoprire la voce umana e le sue potenzialità (siano esse espressive, emotive e relazionali), all’interno di un percorso il più possibile spontaneo, naturale, stimolante, che contribuisca allo sviluppo armonico della personalità e del carattere.

Il lavoro con i bambini si svolge attraverso incontri a cadenza settimanale, durante i quali gli ambiti specifici legati alla propedeutica musicale, alla vocalità e alla concertazione musicale si intersecano continuamente tra loro.
Aspetti fisici, fonetici, musicali, percettivi, espressivi, grafico-notazionali vengono affrontati attraverso un percorso che si caratterizza per la partecipazione attiva dei bambini e per la collaborazione tra pari, nell’ambito di una didattica che considera l’importanza degli aspetti legati all’attività motoria, in cui la musica si traduce in esperienze concrete, che interessano la gestualità espressiva di tutto il corpo. Anche la dimensione ludica assume un’importanza fondamentale: la convinzione che muove i docenti del corso è infatti quella che “giocare con la musica” sia un ottimo strumento pedagogico. Il gioco è infatti una delle modalità più importanti con cui il bambino prende coscienza di sé, del mondo intorno a lui e delle persone con cui si relaziona, e giocare con la musica stimola la curiosità, la fantasia, l’intuizione e l’originalità insite in ognuno di noi.
Ecco che in questo modo l’alfabetizzazione musicale comprendente alcuni aspetti tecnici del linguaggio musicale viene comunicata ai bimbi nella naturalezza di un percorso che vede la pratica musicale non come fine a sé stessa, ma come mezzo fondamentale per lo sviluppo integrale della persona.

In questo percorso particolare attenzione viene posta allo sviluppo della capacità di un auto-ascolto maturante, di un’auto-valutazione dal punto di vista ricettivo ed uditivo, che permette al bambino e al ragazzo di acquisire sicurezza e sviluppare le proprie caratteristiche di personalità, in un processo liberante ma comunque sempre coordinato alle esigenze del gruppo. Durante gli incontri si pone anche l’attenzione al potere evocativo della musica che fornisce ai bambini un mezzo per esprimere sentimenti, donando loro sicurezza e conforto. I bambini che imparano precocemente il valore emotivo della musica, da adulti sapranno farne anche uno strumento di aiuto e di consolazione.
Il repertorio affrontato durante gli incontri è estremamente variegato (musica sacra e liturgica, brani didattici e popolari, giochi musicali, anche a più voci); metodi, materiali e strumenti utilizzati sono coerenti con gli obiettivi da raggiungere e con l’età e le tappe di sviluppo dei bambini partecipanti. Particolare attenzione viene posta alla multiculturalità e alla multidisciplinarietà (in una proposta che per il suo dinamismo può essere modificata con elasticità) e all’aspetto inclusivo della musica.

Si può quindi affermare che ciò che ci si può ragionevolmente aspettare dal percorso di musica corale che l’Istituto propone è un’evoluzione fisica, psicologica ed emotiva globale.
Desiderio dell’Istituto è infatti che i bambini intraprendano un percorso di crescita che coinvolge sicuramente la propria capacità vocale ma anche altri aspetti, come la maturazione nella capacità di impegno ed attenzione, nuovi sviluppi nel carattere e nella personalità, un arricchimento nella capacità mnemonica, uno stimolo nel desiderio di lavorare e dar forma alla musica con gli altri, una crescita nell’autonomia e nell’attenzione ai bisogni dei pari, una spinta all’interesse verso la multiculturalità, l’acquisizione di nuovi strumenti per creare qualcosa di originale, per relazionarsi con serenità e per dare spazio al mondo delle emozioni in un contesto di gruppo. Si vuole dare l’opportunità ai bambini e ai ragazzi di sviluppare una propria personalità musicale, sensibilità artistica ed emotiva, attenzione al mondo sonoro circostante, per esercitarsi nell’arte dell’ascolto (aspetto fondamentale del processo comunicativo e atto di rispetto verso le persone e le realtà che ci circondano).

Il laboratorio di musica corale non si concentra quindi sulla performance musicale in sé, ma sui processi continui e variegati che il far musica insieme mette in atto ed è con questo spirito che si affrontano anche gli impegni come lezioni aperte, concerti, esecuzioni, servizi liturgici.

In conclusione, si può affermare che le attività musicali affrontate nel contesto del laboratorio corale vanno a rafforzare delle competenze dell’individuo che un domani potrà diventare un musicista, uno strumentista dilettante, ma anche un “semplice” ascoltatore: in tutti i casi avrà comunque vissuto un’esperienza musicale che lo avrà notevolmente arricchito e migliorato.
I Ritornelli sono seguiti da Anna Panozzo (direttore musicale) e da Suor Gina Gasparini (educatore professionale).

Si avvalgono inoltre della preziosa collaborazione di Jimin Oh (vocalista).